Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento – Aiuti Nuova Impresa 2023

Incentivi per favorire l’avvio o il consolidamento di nuove imprese

PROGETTI FINANZIATI Attività di investimento, campagne di comunicazione, formazione e servizi
BENEFICIARI Neoimprenditori
TIPO DI AGEVOLAZIONE Contributo a fondo perduto
SCADENZA 5 giugno 2024

PRESENTAZIONE

Il bando è stato approvato dalla Provincia Autonoma di Trento, come parte degli sforzi per sostenere il sistema economico trentino in una logica di sviluppo sostenibile ed economia circolare, secondo la Legge Provinciale 6 luglio 2023 n. 6. L’obiettivo è favorire l’avvio di nuova imprenditorialità e il rafforzamento dell’imprenditoria giovanile e femminile sul territorio provinciale, con una dotazione finanziaria di 1.500.000 euro​​.

SOGGETTI BENEFICIARI

I beneficiari di questo bando sono neoimprenditori che:

  • Detengono la proprietà e gestiscono attivamente e in via esclusiva la nuova impresa, ricoprendo il ruolo di titolare, legale rappresentante o socio, come attestato dal Registro delle Imprese.
  • Devono appartenere ad almeno una delle seguenti categorie: Donne, Giovani tra i 18 e i 35 anni, Persone disoccupate da almeno 6 mesi.

Per qualificarsi all’incentivo, dall’istante di inoltro della domanda, l’impresa deve:

  • Essere posseduta per almeno il 51% da uno o più dei neoimprenditori sopracitati.
  • Avere avviato l’attività nel territorio provinciale entro i 18 mesi precedenti la presentazione della domanda, secondo quanto riportato dal Registro delle Imprese. Questo include la costituzione di una nuova impresa, il trasferimento o la creazione di una nuova unità operativa nel territorio, o l’acquisizione di un’attività già esistente o il passaggio generazionale, sempre entro i 18 mesi.
  • Rientrare nella categoria delle micro o piccole imprese.

PROGETTI AMMISSIBILI

Il bando supporta iniziative legate all’avvio e al consolidamento di nuove imprese, incluse attività di investimento, campagne di comunicazione, formazione e servizi volti alla crescita dell’impresa. È incentivata in particolare l’acquisizione di beni e servizi nel territorio provinciale per favorire lo sviluppo economico locale.

I beneficiari dovranno partecipare a un percorso formativo di minimo 16 ore su temi chiave per lo sviluppo d’impresa, a meno che non abbiano già partecipato a corsi analoghi negli ultimi 12 mesi.

È richiesta la presentazione di documentazione specifica, tra cui un business plan e una scheda di progetto.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili includono:

  • onorari notarili,
  • costi di costituzione d’impresa,
  • onorari per consulenze,
  • acquisto di beni strumentali,
  • software,
  • hardware,
  • registrazione e sviluppo di marchi e brevetti,
  • spese per comunicazione e promozione,
  • % di spese generali riconosciute forfettariamente

 

Il limite minimo di spesa ammissibile è fissato a 10.000 euro, mentre il limite massimo è di 100.000 euro.

AGEVOLAZIONE CONCESSA

L’agevolazione è concessa sotto forma di incentivo a fondo perduto, calcolato in percentuale sulle spese ammissibili e variando dal 40% al 50% in base al punteggio ottenuto dal progetto. È prevista una maggiorazione del 10% per le spese con ricaduta territoriale, ovvero per quelle spese per cui almeno l’80% del totale è stato acquistato presso fornitori con sede in Provincia di Trento. L’incentivo viene concesso in regime “de minimis”.

TEMPISTICHE E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande possono essere presentate dal 5 marzo 2024 fino al 5 giugno 2024, tramite una piattaforma informatica, necessitando dell’autenticazione SPID Livello 2. I criteri di valutazione sono specificati nell’art. 8 dell’Avviso e sono:

  • Qualità della proposta progettuale: viene valutata considerando eventuali ricadute occupazionali, caratteristiche tecnologiche e di sviluppo territoriale. Il punteggio attribuibile va da 0 a 5 punti, con un punteggio minimo per l’ammissibilità di 3 punti.
  • Profilo economico finanziario: la valutazione si basa sulla sostenibilità prospettica evidenziata nel business plan secondo il relativo fac-simile. Anche in questo caso, il punteggio attribuibile varia da 0 a 5 punti, con un punteggio minimo per l’ammissibilità di 3 punti.
  • Caratteristiche del neoimprenditore: vengono attribuiti punteggi aggiuntivi in base alla categoria del neoimprenditore, con una scala che premia in particolare l’imprenditoria femminile e giovanile (15 punti), seguita dall’imprenditoria femminile o giovanile (10 punti) e dai soggetti disoccupati (5 punti). Il punteggio totale attribuibile per queste caratteristiche varia da 5 a 20 punti, con un punteggio minimo per l’ammissibilità di 5 punti.

Per essere ammessa in graduatoria, una domanda deve ottenere una soglia minima complessiva di 11 punti, di cui almeno 6 per la qualità della proposta progettuale e per la valutazione del profilo economico finanziario. In caso di parità di punteggio tra due o più domande, la priorità di accesso sarà determinata in base all’ordine cronologico di presentazione della domanda​​.

Possono presentare la domanda:

  • Il titolare dell’impresa individuale,
  • Il legale rappresentante della società,
  • Un delegato autorizzato.

La presente scheda ha solo scopo informativo. Zenit Project Lab Srl declina ogni responsabilità in caso di errori o lacune. I contenuti della scheda potranno essere oggetto di aggiornamento e approfondimento senza periodicità prestabilita. Per qualsiasi chiarimento e approfondimento potete contattarci all’indirizzo email info@zenitprojectlab.it.